27 marzo 2006

Anya Goryunova



Il mio nome è Anya Goryunova, sono nata in un paesino vicino al lago Onega, e la mia vita scorreva come molte vite in Russia...faticosamente
La mia famiglia non era ricchissima, mio padre, Iosif, lavorava in un'acciaieria come operaio, mia madre, Alisa, in un panificio come commessa.
Il 10 dicembre di un'anno fà, giorno che non scorderò mai, mia madre si sentì male; ricoverata in ospedale ci dissero che aveva avuto un'infarto, e che vi erano state complicazioni.
Per poter pagare i medicinali che avrebbero dovuto curare mia madre mio padre dovette fare turni su turni in acciaieria, e io smisi di studiare per trovarmi un lavoro, avrei fatto di tutto per salvare mia madre.

Trovai occupazione in locale nei pressi di casa mia, come barista, la paga non era molta ma tutto l'aiuto monetario possibile serviva a mantenere mia madre in vita.
Ma un mattino il suo cuore smise di lottare e lei morì.

Mio padre, senza mia madre, cambiò... non era più il padre affettuoso e premuroso che mi aveva cresciuto. Cominciò a bere, a trascure il lavoro, e di li a poco venne licenziato.
Io lo odiai.....
La rabbia in me cresceva di giorno in giorno, mi era stato tolto tutto nel giro di poco tempo; mia madre, mio padre.

Sola, ero rimasta sola.

Mi trasferii a San Pietroburgo, dove trovai lavoro in un Club, il B.I.T.E, gestito da una ragazza di nome Rosana.

Fu proprio nel retro di quel locale che accadde...

Probabilmente fù la mia rabbia, il mio furore a guidarli;
Quegli occhi, così brillanti nell'oscurità, mi fissarono solo per un'istante che sembrò eterno.

Non scorderò mai la notte della mia rinascita, la luna nuova brillava nel cielo, quella luna che da quel momento fu la mia nuova madre.

3 Commenti:

Blogger Z3RØ ha detto...

Ho ridimensionato l'immagine, che era troppo grande, corretto qualche errore qua e là e dato un aggiustata in un punto che risultava poco chiaro.

Comunque un gran bel lavoro, sono proprio soddisfatto

10:10 PM  
Blogger Anya ha detto...

Grazie mille nostro narratore vedrò di migliorare...

ora vado è l'ora perfetta per cacciare

11:29 PM  
Blogger Z3RØ ha detto...

L'infallibile Nami mi ha fatto notare il dettaglio che i cognomi in russo sono maschili e femminili.

Senza dilungarmi troppo il cognome "Goryunov" è un cognome da maschio, l'ho quindi modificato nella sua controparte femminile "Goryunova"

Non credo ci siano troppi problemi, vero ^^

Good Hunt.

5:31 PM  

Posta un commento

<< Home